La Leggenda Granata vive nel museo di Grugliasco

La cittadina di Duluth, Minnesota, è un inno a Bob Dylan, l'enfant du pays che conquistò il mondo con le sue canzoni. A Liverpool è impossibile ignorare che qui sono nati i Beatles: i fab four sono praticamente dappertutto. Cong, pittoresco paesino nel Gaeltach irlandese, sembra quasi un set cinematografico: qui fu girato A quiet man, “Un uomo tranquillo”, il film irlandese di John Wayne. [Leggi tutto...]

Cimeli azzurri a Coverciano

A Coverciano (Firenze), presso il Centro Tecnico Federale vi è il Museo del Calcio, che raccoglie cimeli, oggetti e ogni genere di documentazione riguardante la nostra Nazionale di calcio. E' situato in un edificio d'epoca, un'antica casa colonica ristrutturata, con uno spazio di 800 metri quadrati disposti su due piani e un ampio spazio esterno di 100 metri quadrati coperti adibiti ad area ristoro. E' stato [Leggi tutto...]

Musei e fondazioni preservano la storia del calcio italiano

In Italia ci sono diverse tipologie relative ai musei del calcio. Vi sono i musei delle grandi squadre (Inter – Milan, Juventus), situati negli stadi: sono di ultima generazione, con ampi spazi, ultramoderni, che coinvolgono il visitatore con tecnologie interattive. La tecnologia più sofisticata è usata per coinvolgere emotivamente lo spettatore, che “vive” la visita come un momento indimenticabile e rimane senza fiato dallo stupore. Queste [Leggi tutto...]

Correva l’anno 1948, nascono le Paralimpiadi

“Come back home”: tornare a casa. E’ l’espressione più usata per i Giochi Olimpici di Londra 2012, un modo per indicare le origini e la tradizione dello sport moderno, le sue forti radici britanniche. Tutto vero, ma il “come back home” lo è ancora di più se si parla degli altri giochi, i Giochi Olimpici Paralleli, o Paralimpici, quelli riservati ad atleti diversamente abili, quelli dalla [Leggi tutto...]

DIARIO OLIMPICO 16/Chiusura dei Giochi: chiamale se vuoi, emozioni

I Giochi Olimpici sono chiusi. Appuntamento a Rio, fra quattro anni, in un inverno carioca che non sara' tanto differente dall'estate inglese. Londra oggi non e' diversa da tutte le città olimpiche "il giorno dopo". Alcuni sportivi sono tornati a casa, altri restano ancora un po'. Si vedono ancora sciami di persone con bandiere, magliette o cappellini; il materiale ufficiale impera nei negozi; i cartelli [Leggi tutto...]

DIARIO OLIMPICO 15/Quella via dimenticata intitolata a Dorando Pietri. La maledizione carioca nel calcio

Lo stadio di White City, teatro dei Giochi Olimpici del 1908, non c'è più. E' stato demolito nel 1985, con le sue storie, le sue emozioni, i suoi segreti. Di quelle pietre, nessuna traccia: là dove c'era il vecchio stadio, ora c'è una via. Ma un filo sottile collega quella strada al vecchio impianto ormai distrutto: la via si chiama, infatti, Dorando Close. Sì, solo [Leggi tutto...]

CONI : storia, natura, funzioni, organizzazione, rapporti con l’ordinamento statale

In occasione del Congresso Internazionale degli Sport Atletici, tenutosi all’Università della Sorbona di Parigi, venne approvata l’organizzazione dei primi giochi olimpici dell’era moderna. Era il 16 giugno 1894 quando venne costituito il Comitato Interministeriale dei Giuochi Olimpici, poi diventato Comitato Internazionale Olimpico ( CIO), quale organizzazione permanente, non governativa, priva di soggettività internazionale, con il potere di organizzare e decidere sull’ammissione ai giuochi olimpici, regolata dai [Leggi tutto...]

DIARIO OLIMPICO 13/Storie di Katie e Petra, regine del pugilato femminile

L'Excel di Londra è un'esplosione verde-Irlanda. Sembra che l'intera isola si sia spostata qui, nell'impianto che ospita la maggior parte degli sport al coperto. L'onda verde è arrivata per sostenere Katie Taylor, 26 anni, campionessa mondiale pesi leggeri di pugilato - e portabandiera irlandese alla cerimonia di apertura - che affronta la semifinale olimpica. Con l'obiettivo di portare a casa una medaglia d'oro. Un curriculum [Leggi tutto...]

DIARIO OLIMPICO 12/Il dominio della "sponsorcrazia". Avete prodotti sgraditi? Arrangiatevi!

Volete comprare una mascotte olimpica, una maglietta, o un semplice souvenir negli shop ufficiali di Londra 2012? Potete farlo. Ma attenti: se avete la carta di credito "sbagliata" dovrete lasciare la spesa al banco e uscirvene a mani vuote. Oppure sarete costretti a racimolare tutti i contanti che avete, sperando di arrivare alla somma mostrata sul display della cassa. Questa regola non è nuova: da [Leggi tutto...]

DIARIO OLIMPICO 11/Che spettacolo la lotta greco-romana, ma l'Italia non c'è

La greco-romana, sport olimpico fin dalla prima edizione dei Giochi Olimpici moderni, non è la lotta che si praticava nell'antichità classica. Deriva, infatti, dalla codifica delle regole di questa disciplina, avvenuta nel 1848. L'operazione aveva l'obiettivo di mettere ordine in un'attività sportiva che si svolgeva ininterrottamente da secoli. Dopo il tramonto della classicità e degli sport antichi, la lotta si era infatti riaffermata durante il [Leggi tutto...]


La Leggenda Granata vive nel museo di Grugliasco Cimeli azzurri a Coverciano Musei e fondazioni preservano la storia del calcio italiano Correva l’anno 1948, nascono le Paralimpiadi DIARIO OLIMPICO 16/Chiusura dei Giochi: chiamale se vuoi, emozioni DIARIO OLIMPICO 15/Quella via dimenticata intitolata a Dorando Pietri. La maledizione carioca nel calcio CONI : storia, natura, funzioni, organizzazione, rapporti con l’ordinamento statale DIARIO OLIMPICO 13/Storie di Katie e Petra, regine del pugilato femminile DIARIO OLIMPICO 12/Il dominio della DIARIO OLIMPICO 11/Che spettacolo la lotta greco-romana, ma l
Ad Code

MONACO 1972 / La strage annunciata degli atleti israeliani

02 luglio 2012

Quarant’anni dopo, Israele torna a confrontarsi con lo spettro delle Olimpiadi di Monaco. La cicatrice di quel vistoso attacco terroristico palestinese non si è mai rimarginata. Adesso Israele vorrebbe che il ricordo dei suoi 11 atleti trucidati dai palestinesi in terra tedesca fosse onorato con un minuto di raccoglimento all’apertura dei Giochi di Londra. Ma [...]

Leggi tutto

Scritto in In primo piano0 Commenti

Un insolito Italo Calvino cronista delle Olimpiadi di Helsinki

02 luglio 2012

Dal 19 luglio al 3 agosto 1952 si svolse la quindicesima Olimpiade. Furono le prime Olimpiadi del dopoguerra che registrarono la partecipazione di un elevato numero di nazioni, soprattutto del continente asiatico e africano. Per la prima volta partecipò anche l’Unione Sovietica. Era il periodo della Guerra Fredda, caratterizzato da una contrapposizione molto rigida e [...]

Leggi tutto

Scritto in Sport e letteratura0 Commenti

La corporeità ideale delle Olimpiadi: l’atleta Natalia Valeeva

02 luglio 2012

Questa rubrica curata dal Dr Alfonso Santarpia, (psicologo, specializzato in psicologia e psicopatologia dell’esperienza corporea, professore associato all’Université Aix-Marseille nel Laboratorio di Psicopatologia clinica e Psicoanalisi), ha come scopo di raccogliere contributi, testimonianze, scritti, riassunti (abstract) di ricerche qualitative o quantitative centrati sui vissuti corporei (emozioni, sensazioni, rappresentationi del corpo) in ambito sportivo. Non solo, [...]

Leggi tutto

Scritto in Psicologia e Antropologia del vissuto corporeo0 Commenti

MONACO 1972 / Ilana Romano, vedova di Yosef: «Il Cio si rifiuta di onorare le vittime con un minuto di silenzio»

02 luglio 2012

«Saranno state le sette di mattina. Una vicina bussa alla  porta e mi chiede: “Hai sentito cosa sta succedendo a Monaco ?” Telefono subito al Comitato olimpico israeliano e loro cercano di rassicurarmi: “Yossi – dicono – non è fra gli ostaggi”. Ma io lo conoscevo bene, sapevo che se fosse stato libero mi avrebbe [...]

Leggi tutto

Scritto in Intervista0 Commenti

Pagina 9 di 9« Prima...56789

Editoriale

Musei e hall of fame, luoghi della memoria dello sport

Musei e hall of fame, luoghi della memoria dello sport

Dopo aver trattato dei Giochi Olimpici e delle Paralimpiadi siamo arrivati al terzo mese di attività del nostro Scs Magazine. Nel numero di ottobre parleremo dei luoghi della memoria dello sport: i musei e le hall of fame. Entrambe sono strutture che uniscono il lato storico, sociale e culturale degli eventi e delle società sportive. Nella prima categoria sono iMusei e hall of fame, luoghi della memoria dello sport

Ad Codes Widget

Ad Code